Amici della pallacanestro e delle belle immagini, dopo aver visto perché le Nazionale Over 40 è tra le migliori in Europa e al Mondo, diventa ancora più interessante provare a comprendere perché i loro colleghi Over 45 sono decisamente i migliori al Mondo. Non perdono un incontro internazionale da 30 partite e sono praticamente imbattuti da quando hanno iniziato, molti come Over 40, oltre 5 anni fa, a girare il Mondo collezionando vittorie contro avversari agguerriti e prestigiosi. Non a caso sabato 8 settembre a Trieste, nell’intervallo della partita Italia – Bielorussia, sono stati premiati dal Presidente FIP Dino Meneghin per la medaglia d’oro guadagnata giusto un mese fa a Kaunas, in Lituania, ai Campionati Europei di categoria.

(Foto di Savino Paolella © 2012)

Marco Solfrini, estensione “alare” alla MJ…(Foto di Savino Paolella © 2012)

Dopo aver visto nell’artico precedente le ragioni alla base dei successi dei più giovani dell’Over 40, forse ci viene più semplice capire le motivazioni alla base delle vittorie di questo nucleo di campioni di 5 anni meno giovani.

(Foto di Savino Paolella © 2012)

La Nazionale Italiana Over 45 agli Europei di Kaunas, Lituania, nel 2012

Da sinistra a destra: Trotti, Frascolla, Bullara, Solfrini, Tirel, Cefis, Carera, Venturi, Dalla Libera, Santini, Coppo, Capone.

(Foto di Savino Paolella © 2012)

Marco Solfrini a 54 anni schiaccia tranquillamente in partita (Foto di Savino Paolella © 2012)

Basta osservare questi ragazzi, nati negli anni 60 e cresciuti per decenni a pane e canestro. Hanno 45, 50 e qualcuno quasi 55 anni, giocano ancora nelle serie minori, tutti hanno il tesserino di allenatori, si tengono in forma. Qualcuno ha giocato parecchie centinaia di partite nella massima Serie (Solfrini, Carera) e in Nazionale A. Oggi vincono perchè vincevano.  Sono una generazione che vinceva quando il basket era più tecnico e l’Italia era tra le prime 3-4 Nazionali al Mondo.

(Foto di Savino Paolella © 2012)

Cefis tira da fuori. La sua forma fisica è vincente a confronto con l’avversario (Foto di Savino Paolella © 2012)

Da qualche anno, prima come Over 40 e ora come Over 45, giocano assieme. Un nucleo che si conosce da sempre, hanno un’intesa in campo e fuori che non capita facilmente di osservare in nessun’altra situazione di sport. Uniscono la maturità dell’Over 45 all’entusiasmo dell’appassionato di basket, con la saggezza di chi ha qualche capello bianco e non deve più dimostrare niente a nessuno. E ancora di più, rispetto gli Over 40, si amplia la superiorità fisico-atletica e tecnica dei nostri giocatori rispetto agli avversari.

(Foto di Savino Paolella © 2012)

Il tiro da 3 micidiale di Capone (Foto di Savino Paolella © 2012)

Senza “pancia da birra”, attenti al fisico e alla salute, Solfrini e compagni hanno lasciato tutti strabiliati per la superiorità dimostrata in un torneo dove si giocava quasi ogni giorno. Tiri da 3 (non esistevano quando loro avevano 25 anni…), movimenti nei giochi a due perfetti, fluidi,  come difficilmente si vedono sui parquet di Lega A e come, temo, non insegnano più così bene…

(Foto di Savino Paolella © 2012)

Tiro da 3 di Coppo (Foto di Savino Paolella © 2012)

(Foto di Savino Paolella © 2012)

Dinamismo e talento a 50 anni! (Foto di Savino Paolella © 2012)

(Foto di Savino Paolella © 2012)

Grinta e fisico di Maurizio Venturi (Foto di Savino Paolella © 2012)

(Foto di Savino Paolella © 2012)

Talento e classe di Marco Tirel (Foto di Savino Paolella © 2012)

(Foto di Savino Paolella © 2012)

Tiro da 3 tecnicamente perfetto di Pippo Frascolla (Foto di Savino Paolella © 2012)

(Foto di Savino Paolella © 2012)

Gancio d’autore di Flavio Carera… da notare la superiorità fisica e atletica sull’avversario (Foto di Savino Paolella © 2012)

Vediamo qualche immagine della finale vinta di 20 punti contro la Russia:

(Foto di Savino Paolella © 2012)

La squadra prima della finalissima, tutti carichi come molle pronte a esplodere!  (Foto di Savino Paolella © 2012)

(Foto di Savino Paolella © 2012)

Ingresso in campo, uno spirito di squadra incredibile (Foto di Savino Paolella © 2012)

(Foto di Savino Paolella © 2012)

Canestri da fuori… (Foto di Savino Paolella © 2012)

(Foto di Savino Paolella © 2012)

Penetrazioni veloci (Foto di Savino Paolella © 2012)

(Foto di Savino Paolella © 2012)

Capone da 2 (Foto di Savino Paolella © 2012)

(Foto di Savino Paolella © 2012)

Dalla Libera in area (Foto di Savino Paolella © 2012)

(Foto di Savino Paolella © 2012)

Bullara conclude l’attacco alla zona con un tiro da 3 senza ostacoli (Foto di Savino Paolella © 2012)

(Foto di Savino Paolella © 2012)

Marco Solfrini in gancio in area contro la Russia nella finale (Foto di Savino Paolella © 2012)

(Foto di Savino Paolella © 2012)

Dalla Libera ancora in area…(Foto di Savino Paolella © 2012)

(Foto di Savino Paolella © 2012)

Una grande gestione dalla panchina: da sinistra Ponzoni, Bucci, Marinucci, Anzini. (Foto di Savino Paolella © 2012)

Tiri da 3 e uncini in area perfettamente eseguiti, schemi d’attacco moderni e adeguati all’avversario, tagliafuori decisi e controllo di palla d’altri tempi. Insomma, un vero piacere vederli giocare, vincere e gioire assieme! Finalmente una Nazionale di basket vincente, ammirata, simpatica. Grazie, ragazzi, per l’attaccamento alla maglia azzurra e a tutto ciò che rappresenta per noi sportivi con qualche capello bianco!

(Foto di Savino Paolella © 2012)

La maglia azzurra con la medaglia d’oro e il nome del main-sponsor, grazie al quale le Nazionali Over 40 e 45 possono giocare e vincere (Foto di Savino Paolella © 2012)

(Foto di Savino Paolella © 2012)

Campioni d’Europa 2012 (Foto di Savino Paolella © 2012)


testo e foto di Savino Paolella © 2012